DECRETO LEGISLATIVO 15 dicembre 2017 , n. 218.

Recepimento della direttiva (UE) 2015/2366 relativa ai servizi di pagamento nel mercato interno, che modifica le direttive 2002/65/CE, 2009/110/CE e 2013/36/UE e il regolamento (UE) n. 1093/2010, e abroga la direttiva 2007/64/CE, nonché adeguamento delle disposizioni interne al regolamento (UE) n. 751/2015 relativo alle commissioni interbancarie sulle operazioni di pagamento basate su carta.

Alcuni passaggi importanti del Dlgs.....

DECRETO LEGISLATIVO
15 dicembre 2017 , n. 218

Documento in PDF estratto dalla GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA

 

Art. 5. Disposizioni transitorie e finali

Gli istituti di pagamento e gli istituti di moneta elettronica autorizzati a operare alla data del 13 gennaio 2018 possono continuare a esercitare le attività cui si riferisce l’autorizzazione fino al 13 luglio 2018.

Gli istituti di cui al periodo precedente sono autorizzati a esercitare le stesse attività dopo il 13 luglio 2018 a condizione che rispettino i requisiti previsti ai sensi degli articoli 114 –quinquies e 114 -novies del decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385 e trasmettano la documentazione attestante il rispetto dei requisiti stessi alla Banca d’Italia entro il 13 aprile 2018.

In caso di mancato rispetto dei requisiti di cui al periodo precedente, la Banca d’Italia, entro il 13 luglio 2018, avvia un procedimento di revoca dell’autorizzazione o richiede l’adozione di misure correttive necessarie a garantire il rispetto dei requisiti stessi.

Gli istituti di cui agli articoli 114 -quinquies .4 e 114 -sexiesdecies del decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385 autorizzati a operare alla data del 13 gennaio 2018 possono continuare a esercitare le attività cui si riferisce l’autorizzazione fino al 13 gennaio 2019.

Gli istituti di cui al periodo precedente sono autorizzati a esercitare le stesse attività dopo il 13 gennaio 2019 a condizione che rispettino i requisiti previsti ai sensi degli articoli 114 -quinquies e 114 -novies del decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385 e che trasmettano la documentazione attestante il rispetto dei requisiti stessi alla Banca d’Italia entro il 13 ottobre 2018.

In caso di mancato rispetto dei requisiti di cui al periodo precedente, la Banca d’Italia, entro il 13 gennaio 2019, avvia un procedimento di revoca dell’autorizzazione o richiede l’adozione di misure correttive necessarie a garantire il rispetto dei requisiti stessi.

Gli istituti di pagamento che alla data di entrata in vigore del presente decreto prestano il servizio previsto dall’articolo 1, comma 1, lettera b) , n. 7, del decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 11, possono svolgere il servizio di cui all’articolo 1, comma 2, lettera h-septies1), n. 3, del decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385, senza necessità di ottenere una nuova autorizzazione se, entro il 13 gennaio 2020, trasmettono la documentazione attestante il rispetto dei requisiti relativi al capitale iniziale e al calcolo dei fondi propri alla Banca d’Italia.

Informazioni e contatti: assistenzaservizidipag@alice.it

servizidipagamento.eu - Sistema di Organizzazione e Controllo degli Istituti di Pagamento

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

SERVIZI E ATTIVITA'
CONTRIBUTI E PROGETTI
FOCUS
   
PARTNERS - Servizi di consulenza & assistenza


© 2009 2018 www.servizidipagamento.eu - All Rights Reserved - Stuttura operativa della DLVA FIDES CONSULTING SRL |